Ring Light 16″ – Zomei

Portiamo sul blog la recensione di un altro prodotto dell’azienda Zomei. Questa volta si tratta di una Ring Light da 16 pollici che abbiamo avuto modo di testare per un periodo discretamente lungo.

La prima caratteristica che ci ha immediatamente sorpreso è la quantità di luce emessa da questa luce ad anello. Non pensavamo, in realtà, che fosse in grado di emettere così tanta luce.
Quantità ma anche qualità della luce che in questo caso sono davvero soddisfacenti.

Ora – può sembrare una contraddizione ma, credeteci, non è così – se da un lato c’è la potenza di questi led, capaci di illuminare a dovere la scena, dall’altro lato c’è invece la delicatezza con cui la luce prodotta si distribuisce in maniera uniforme sul soggetto.

E, in fondo, è proprio questo il compito di una luce ad anello: illuminare in modo omogeneo.

Una luce anulare viene scelta, inoltre, anche perché porta con sé una serie di vantaggi non indifferenti: minimo ingombro, facilità di utilizzo e configurazione, praticità e rapidità nel montaggio.

Tra le diverse proposte in commercio abbiamo preferito la ring light di Zomei sia perché si è rivelato per noi un marchio affidabile in passato, sia perché il prodotto prometteva bene. E, sinceramente, ha superato le nostre aspettative.

È una luce da 38w. Esistono anche luci ad anello con potenze maggiori ma 38w producono la giusta dose di luce in ogni circostanza.

C’è da dire che lo stativo fornito sembra un po’ leggero. Tuttavia, deve reggere un carico abbastanza ridotto e quindi risulta più che sufficiente.

Anche se è presente l’attacco da 1/4 per installare una testa a sfera, di certo lo stativo in dotazione non è pensato per sostenere una reflex (pochissimi modelli lo consentono). Riusciamo però ugualmente a fotografare dall’interno del cerchio, sostenendo la fotocamera a mano libera o posizionandola su un treppiedi, o ancora sostituendo lo stativo. Così facendo, otterremo una foto quasi senza ombre. Si riescono ad evitare ombre dure e contrasti elevati, perché la fonte di luce non è puntiforme.

Un risultato simile si ottiene con un Ring flash ma quest’ultimo non è classificato come luce continua. Pertanto, non ci fa avere un’idea precisa della resa e della direzione della luce emessa.

Altro effetto interessante generato da una luce ad anello è il famoso riflesso circolare negli occhi del soggetto, un riflesso che è abbastanza ricercato perché ben si armonizza con la forma della pupilla. Stiamo parlando della catchlight, il riflesso che rende vivo ed espressivo lo sguardo.
Ovviamente, l’effetto Catchlight può assumere svariate forme e dimensioni. Dipende dalla grandezza della fonte luminosa e dalla sua distanza dal soggetto.
Parlando di catchlight, si è soliti indicare la posizione del riflesso facendo riferimento alle ore di un orologio. I ritrattisti esperti dicono che la collocazione della catchlight sulla pupilla debba essere tra ore 22 e 02:00. Il motivo? Tale posizione crea un giusto equilibrio.

Fonte: Digital Photography School

Un piccolo espediente ci permette di riprodurre l’effetto della luce che si riflette negli occhi e sui visi, e scegliere la posizione migliore:
http://www.fotozona.it/magazine/biglia-sfruttare-luce-naturale-nei-ritratti-25191

La cachlight generata da una luce ad anello è particolare e, in genere, più grande e in asse con la pupilla.



Oltre all’impiego nel campo della ritrattistica, dove si può usare una ring light come questa dell’azienda Zomei? Sicuramente in ambito video (YouTube, interviste, dirette social, live streaming ecc). Oppure come alternativa al softbox e per foto di prodotto non impegnative.
Le luci ad anello sono spesso utilizzate anche nel settore della bellezza e della cosmetica, principalmente dai truccatori, proprio perché creano contrasti delicati ed equilibrati. Ed è risaputo che, nel settore moda e in quello beauty, proporzione e bilanciamento sono canoni rilevanti. Senza contare che con una luce di questo tipo la resa dell’incarnato e la riproduzione dei colori è realistica e piacevole.
Si può usare infatti anche come lampada per dipingere perché abbiamo un indice di resa cromatico di 80 RA, questo significa che i suoi LED, come tutti i led di buona qualità, hanno la capacità di esaltare i colori, donare brillantezza, profondità e veridicità cromatica a ciò che illuminano.

Un utilizzo di nicchia è sicuramente quello del Chroma key. Applicare tale tecnica può essere molto dispendioso in termini di fonti di luci necessarie e relativi costi. Invece, con una semplice luce anulare e un fondale adatto, ci si può divertire con la creazione di ottimi effetti di sovrapposizione. Vi consigliamo questo tipo di sfondo, al posto del semplice telo, perché rimane ben teso e si evitano i problemi causati dalle pieghe del tessuto: link al prodotto.
Una ring light si presta bene allo scopo perché, proprio per come è realizzata e per il fatto che la fotocamera è posta al suo interno, l’ombra viene proiettata esattamente dietro il soggetto e di conseguenza non andrà a disturbare il background. Pertanto, anche sul fondale arriva una luce uniforme nonostante si usi una sola fonte di luce. Chiaramente, questo implica che la luce sia frontale e ciò limiterà la quantità e il tipo di sfondi da poter utilizzare in post produzione. Ma non creerà nessun problema se si utilizza uno sfondo uniforme o uno sfondo astratto. Altra limitazione è la focale, che deve essere necessariamente corta perché la ring light va posizionata ad una minima distanza, altrimenti c’è una forte caduta di luce e si perde anche in termini di diffusione. Questa parentesi sul chroma key è stata ispirata da un video di Mariano Morichini.

Dopo questa introduzione in cui abbiamo sia condiviso la nostra opinione sul prodotto che aggiunto delle note generali sull’argomento ring light, concentriamoci sul contenuto della confezione e sulle caratteristiche tecniche della luce anulare Zomei.

CONTENUTO DELLA CONFEZIONE

1x Anello di luce LED Zomei da 16″
1x Stativo
1x Supporto universale per cellulare
1x Adattatore a doppia filettatura da 1/4″
1x Cavo da 3m
1x Manuale di istruzioni

CARATTERISTICHE TECNICHE

– Diametro esterno: 16 pollici / 40.6 cm
– Alimentazione: 38w
– Luminosità: 0-100%. La potenza può essere regolata attraverso un dimmer da 1 a 100%. È a tutti gli efffetti una Ring Light dimmerabile.
– Temperatura del colore: da 3200k a 5600k.
Cri (indice di Resa Cromatica): ≥ 80 RA
– Flusso luminoso: 1690LM
– Composta da 320 led: 160 bianchi e 160 gialli. I LED SMD producono una luce senza ombre, uniforme e naturale, migliorando il tono della pelle.
– Tensione di entrata: 100-240v
– Dotata di ventole sul retro per dissipare il calore e garantire una maggiore durata nel tempo.
– Attacco a vite da 1/4 posto sulla base, per collegare una piccola testa a sfera, il supporto cellulare, un clamp arca swiss ecc.
– Lo stativo ha un’altezza massima di 175 cm circa.

CONCLUSIONI

Lo diciamo sempre, lo dicono tutti: la luce per un fotografo è un elemento di fondamentale importanza e per dirigerla e modellarla servono accessori come una ring light. Se siete alla ricerca di una soluzione comoda e portatile e cercate una luce perfetta per ritratti o per i video, Zomei Ring Light da 16 pollici è un prodotto ben progettato e adatto sia ad un utilizzo amatoriale che professionale.
Noi, non possiamo fare altro che consigliarvela. E questa volta è il caso di dire… Buona luce!


La trovate su Amazon a questo link: https://amzn.to/2YNta7W

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.